Come organizzare i contenuti di servizio del tuo e-commerce

contenutisecondari

Abbiamo visto nei post precedenti che, quando si progetta un e-commerce, ci sono tanti elementi da tenere in considerazione: gli aspetti legati al processo d’acquisto, la struttura delle schede prodotto, i contenuti dell’home page, tutto ciò che riguarda la legislazione e la burocrazia.

Oggi ci concentriamo su un’altra parte molto importante di un e-commerce, e cioè su come organizzare al meglio le informazioni presenti nelle pagine di supporto, partendo dal menu di navigazione fino ad arrivare al blog.

Pronto? Iniziamo.

Naviga lontano, con semplicità

Devi lavorare molto sull’architettura delle informazioni, per far sì che il tuo e-commerce sia usabile e che le persone trovino con facilità le informazioni che cercano. Oltre al catalogo prodotto, quali saranno le altre aree presenti sul tuo sito? Quali saranno le informazioni da mettere in rilievo? Quali, invece, possono rimanere nelle retrovie?

Il nostro consiglio. Definisci l’architettura delle informazioni prima di lavorare alla parte di sviluppo del sito: se questa fase viene affrontata dopo, il rischio è quello di tornare indietro sui propri passi e dover lavorare il doppio per riorganizzare il tutto.

I bisogni del tuo cliente ideale

Quando strutturi il menu di navigazione dell’e-commerce pensa a cosa cerca il tuo cliente ideale e fai in modo di farglielo trovare, senza fatica.

Con le dovute eccezioni, l’ordine tradizionale del menu di navigazione prevede che la prima voce a sinistra sia la home (in alternativa il logo del marchio che punta alla pagina principale), seguita dal catalogo prodotti, dalle pagine accessorie (servizi, blog, newsletter, about page) e, in ultimo, dai contatti. Se ci sono troppe informazioni spesso i menu vengono separati in uno principale e uno secondario, dove troviamo le voci di servizio.

In generale, essere troppo creativi sui nomi delle voci di menu o ordinarle in modo diverso, può confondere le persone che, invece, si sentono più a loro agio se si trovano davanti le informazioni sistemate secondo gli standard.

Il nostro consiglio. Organizza per bene i contenuti così le persone potranno concentrarsi su quello che desideri di più, acquistare i tuoi prodotti.

Cura la formattazione dei testi

La lettura deve essere gradevole per gli occhi sia che si tratti della pagina sul diritto di recesso che quella dedicata alla storia dell’azienda.

Regola numero uno: evita i muri di testo e crea dei contenuti che fanno venir voglia di essere letti.

Lavora sui blocchi di testo, metti in risalto i concetti più importanti con i grassetti, sfrutta i link per i collegamenti delle pagine, inserisci elenchi puntati e numerati per dare respiro alla comunicazione.

Il nostro consiglio. Fai in modo che le informazioni principali si trovino nelle prime righe di testo: come dimostrano gli studi di Jackob Nielsen, è difficile che le persone leggano un contenuto dall’inizio alla fine ma si concentrano sull’incipit della pagina per capirne il senso generale. Assicurati quindi che il messaggio che vuoi che arrivi a destinazione sia presente lì, e non nelle conclusioni 🙂

Racconta il marchio attraverso il blog

Sì, immagino a cosa stai pensando: “avere un blog sembra una faticaccia e poi non so che cosa scrivere”.

In parte è vero, un blog è molto impegnativo: bisogna creare contenuti di qualità, interessanti per le persone e con una certa frequenza. Se ben impostato, però, un blog legato al tuo e-commerce può fare la differenza.

Mettiamo il caso che tu venda prodotti per capelli: shampoo, balsamo, spazzole, asciugacapelli e via dicendo. Come puoi usare il blog per farti conoscere ed aumentare le vendite?

Ad esempio raccontando come acconciare i capelli ricci in modo impeccabile, quali saranno i tagli di tendenza per la prossima stagione, cosa fare in caso di capelli grassi. All’interno dei tuoi post potrai includere i link ai prodotti più adatti in base a quel contenuto o chiedere ai lettori di commentare l’articolo. Se le persone troveranno il post interessante, è molto facile che vadano a dare uno sguardo ai prodotti che vendi e, se quello che vedono li convince, comprano.

Il nostro consiglio. Sappiamo che il processo per avere un blog che funziona è piuttosto lungo ma possiamo assicurarti che i risultati in termini di brand awareness, fidelizzazione, vendite arrivano. Provaci e vedrai.

Per questa volta è tutto, come al solito se vuoi chiacchierare con noi sull’argomento scrivici nei commenti. Siamo qui per ascoltarti.

Posted in Senza categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *